CINQUE CONSIGLI PER REGISTRARE LA BATTERIA

La batteria è uno strumento difficile da registrare, ci sono delle regole da seguire che ogni ingegnere del suono personalizza a suo piacimento.

In rete è stato già scritto tantissimo in merito a questo argomento, però nonostante ciò vogliamo anche noi contribuire dando 5 semplici consigli che potrebbero tornare utili.

1-     Usare più microfoni per una sorgente sonora

Esempio, sulla cassa solitamente noi utilizziamo tre microfoni diversi tra loro:

a)    un condensatore molto vicino alla pelle che ci aiuta a catturare il dettaglio dell’attacco

b)    un dinamico solitamente AKG D112 a metà strada tra la pelle battente e la risonante (questo microfono ci darà il punch)

c)     un altro dinamico solitamente un SUBKICK della YAMAHA posizionato all’esterno della cassa che è destinato a catturare le frequenze sub.

Così facendo si riesce ad avere più controllo e si riducono al minimo i rientri dato che per ogni linea il gain viene tenuto abbastanza basso.

2-     Prima di iniziare a registrare controllare sempre la correlazione di fase

Un piccolo trucchetto per farlo rapidamente è il seguente esempio:

abbiamo otto microfoni sulla batteria, mettiamo in solo la traccia 1, poi mettiamo in solo la traccia 2 e invertiamo la fase alla traccia 2.

Se notiamo che il suono si arricchisce sulle basse frequenze lasciamo la fase invertita, se invece notiamo un peggioramento sulle basse frequenze reinvertiamo la fase.

Adesso apriamo la traccia 3 e facciamo lo stesso procedimento descritto precedentemente, agiamo in questo modo fino ad aver controllato tutte le tracce della batteria, una alla volta.

3-     Se è possibile mettere dei microfoni che catturino l’ambiente

Un piccolo trucchetto per trovare una buona posizione nella stanza è il seguente:

facciamo suonare il batterista, tappiamoci un orecchio con un dito e iniziamo a girare per la stanza, dove sentiamo che il suono della batteria ci piace piazziamo lì i nostri microfoni ambientali.

4-     Utilizzare un microfono SM 57 davanti alla batteria

Mettere il microfono più o meno a 20 cm di distanza e puntarlo tra il rullante e la cassa.

5-     Registrare sempre delle tracce di prova e riascoltarle

Se non abbiamo un buon isolamento tra la Regia e la Room dove registriamo, le nostre decisioni in merito ai suoni possono essere state influenzate da un ascolto compromesso dovuto allo scarso isolamento tra le due stanze.

Se vuoi provare i nostri servizi di registrazione clicca qui: http://www.aemmerecordingstudios.com/studio-mixaggio-registrazione/

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone