L’UTILIZZO DEI GRUPPI NEL MIX

L’UTILIZZO DEI GRUPPI NEL MIX

Su questo argomento ci si potrebbe stare veramente degli anni, ma io mi limiterò a riportarvi la mia esperienza personale senza dilungarmi troppo.

Fondamentalmente l’utilizzo dei gruppi per me ha 2 funzioni principali:

  • la prima è la gestione del Mix
  • la seconda è per colorare, comprimere o saturare con una certa macchina quel gruppo di strumenti

Io per Mixare solitamente utilizzo la mia Console SSL 4000.

A dire il vero quando mi trovo a Mixare sulla Console non utilizzo (quasi mai) subgroup perché l’SSL mi premette di assegnare più fader ad un unico vca, quindi riesco a gestire uno strumento come la batteria che ha più tracce attraverso questi e quindi posso fare a meno di utilizzare un gruppo.

Per quanto riguarda colore e compressione, sulla Console non ho mai sentito l’esigenza sonica di raggruppare per comprimere o colorare il suono.

Passando attraverso l’SSL, secondo me, si ottiene già tantissimo sia sul colore che sulla separazione, quindi non ne sento la necessità.

I gruppi invece diventano per me molto importanti quando mi trovo a Mixare quasi totalmente ITB.

In questo caso per me diventano fondamentali, non tanto per la gestione dei livelli, ma più che altro per dare un colore che altrimenti non avrei.

Un mio Mix ITB standard solitamente ha 4 Gruppi (Drum, Vox, Music, Effect).

Ecco cosa faccio nello specifico:

in ognuno di questi gruppi metto in insert una bella macchina analogica, che mi permette di colorare e dare carattere a quel gruppo di tracce, ad esempio:

  • sulla batteria in insert ci sono sempre 2 Distressor
  • sul gruppo voce un The Phoenix Thermoionic
  • sul gruppo music un api 2500
  • sul gruppo effect un saturatore artigianale che mi sono fatto fare

 Questo approccio oltre a dare uno specifico colore e carattere, che altrimenti non potrei avere ITB, mi permette di dare anche una profondità maggiore al Mix.

Le differenze di carattere e colore di queste macchine permettono una più accurata separazione tra i vari strumenti che viene proprio accentuata da queste differenze e una maggior profondità nel Mix.

Questo è il mio personale approccio, da come avete potuto intuire nel mio flusso di lavoro le macchine analogiche ricoprono sempre un ruolo importantissimo anche quando si Mixa nella scatola :-)

Se volte provare che effetto ha separare un vostro Mix su più bus, ma non avete macchine analogiche potete farlo anche totalmente ITB utilizzando dei plug in che emulano le macchine analogiche che più vi piacciono, il risultato non sarà proprio identico, ma sicuramente otterrete una separazione maggiore degli strumenti e maggior profondità.

Provare per credere!

 Un saluto a tutti, al prossimo articolo.

 Per avere maggiori informazioni sul mio servizio di Mixing (che offro anche online) cliccate su questo link: http://www.aemmerecordingstudios.com/mixaggio-mixonline/

 

RICHIEDI UN PREVENTIVO http://www.aemmerecordingstudios.com/contatti/

Condividi su:Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone